Il mio esilio all’isola d’Elba. Parte II: Portoferraio e Villa dei Mulini

spiaggia-sansone

Secondo post e seconda puntata del mio esilio elbano (qui per la prima parte in cui parlo di RioMarina e Porto Azzurro).

Portoferraio.

Piccola, austera, decadente e misteriosa come solo una città di mare sa essere, con vicoli stretti e poco conosciuti e scalinate ripide che si alternano a scorci sul mare che lasciano senza fiato.

portoferraio-tetti

portoferraio-scalinata

portoferraio-dettaglio

portoferraio-vista

Qui tutto racconta di un’isola orgogliosa e fiera del proprio passato. Quest’anno più che mai, nel 2014 ricorre i bicentenario dell’esilio napoleonico e non è possibile non accorgersene; tutto il territorio infatti celebra un imperatore rimasto qui nemmeno un anno, capace però di modificare l’Elba nel profondo.

napoleone-manifesti

portoferraio-napoleone

Ho visitato Villa dei Mulini scelta come residenza principale da Napoleone e destinata alla vita pubblica durante il periodo di esilio. E’ presente sull’isola anche villa San Martino, costruita per essere adibita a luogo privato.

Costruzione che dall’esterno non trasmette fasti e opulenza, la prima cosa che ho pensato appena varcata la soglia è stata che con una vista del genere in esilio qui ci sarei venuta anche io. E senza fare nemmeno troppe storie.

villa-mulini-vista

Gli interni non presentano gli arredi originali ma ricostruzioni dell’epoca, in ogni caso anche solo solo l’architettura e l’atmosfera che si respira mi hanno affascinata grazie a stanze piene di luce e sole, al rumore del mare in sottofondo e un giardino da cui non me ne sarei mai andata.

villa-mulini-esterno

villa-mulini-giardino

villa-mulini-io

villa-mulini-interno

villa-mulini-stanza-letto

villa-mulini-sala-ballo

Aguzzando la vista potrete vedere che mi sono lasciata tentare da un selfone in uno specchio napoleonico. Non ho saputo resistere.

villa-mulini-selfie

Dopo la visita alla villa d’obbligo un tuffo dove l’acqua è più blu e a Portoferraio c’è solo l’imbarazzo della scelta tra alcune delle più belle spiagge che offre l’isola.  Sabbia fine o ciotoli bianchi poco importa, l’acqua cristallina e la natura mi hanno conquistata.

spiaggia-sansone-io

spiaggia-sansone-vista

spiaggia-sansone-strada

spiaggia-biodola

Un’isola che ho amato, dove ho incontrato persone meravigliose, un’isola in cui ho già il desiderio di tornare e lo farò.

Il mio esilio all’Elba è stato fantastico.

 

Nelle foto di questo post la spiaggia della Biodola e Sansone.

Per tutte le info sull’Elba http://www.infoelba.it/

Per info sul bicentenario napoleonico http://www.napoleoneimperatoreelba2014.it/