Le alternative vegetali al latte vaccino: il latte di riso

Continua la saga delle alternative al latte vaccino. Il protagonista di oggi è il latte di riso che insieme a quello di avena si classifica come bevanda che contiene la maggiore quantità di carboidrati.

Niente paura! Non abbandonate la lettura solo perché trovate scritta la parola carboidrati. Le calorie del latte di riso infatti non sono eccessive (circa 52 per 100 gr) e sicuramente equilibrate dai moltissimi benefici.

Inizio con il dirvi che il latte di riso si presta ai più svariati usi grazie al suo sapore  versatile che lo rende ottimo se bevuto al naturale durante la prima colazione o uno spuntino a metà giornata (in questo caso vi consiglio di consumarlo mescolato a del caffè di orzo oppure del cacao) e ideale anche in cucina come ingrediente per la preparazione di dessert come frullati, creme e budini, torte e biscotti.


Personalmente è stato uno dei primi  che ho assaggiato in sostituzione al latte vaccino e il suo gusto dolce mi ha subito conquistata.

Il latte di riso, oltre a vantare la presenza di carboidrati al suo interno, non contiene colesterolo, è povero di grassi ma ricco di zuccheri semplici che lo rendono particolarmente digeribile e adatto quando durante la giornata abbiamo bisogno di energia subito disponibile, è inoltre ricco di fibre e vitamine.

A differenza del latte vaccino il suo contenuto proteico e di calcio è ridotto, in commercio però  sono disponibili prodotti arricchiti, ad esempio di calcio appunto, che permettono così di innalzarne il potere nutrizionale.

Non mi stancherò mai di ripetervi il mio consiglio, valido anche nel caso del latte di riso: acquistatelo biologico a garanzia della qualità del prodotto e della filiera di produzione.

 

Foto Credits: Tumblr

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *