E’ arrivata la stagione del kiwi

kiwi_macedonia

Ho sentito dire che contiene più vitamina C di un’arancia e in questa stagione questa è un’informazione che può fare la differenza.  Perché qui, tra un novembre che sembra aprile e mattinate che esco in cappotto però poi all’una mi trovate in costume da bagno, non c’è da scherzare. I raffreddori sono dietro l’angolo ma noi, che mangiamo un kiwi al giorno, gli facciamo ciao ciao con la manina. E il nostro sistema immunitario ci ringrazierà.

Mi dicono anche che questo sia il giusto periodo di raccolta che va da metà ottobre a metà dicembre. Se  siete quindi tra i fortunati che hanno piante di fichi, già lo so che tra un po’ ne avrete le cassette piene. Per questo sapete dove trovarmi.

So anche che il kiwi è dissetante, depurativo e protegge dagli sgradevoli effetti dei radicali liberi tipo invecchiamento cutaneo e rughette.  Che dire: da non poterne più fare a meno, non solo quando siamo in detox.

Se poi vogliamo dare una acceleratina al transito intestinale, udite udite: due kiwi la mattina mentre fate colazione. Vedrete i risultati. E stato il mio rimedio quando ho smesso di fumare, occasione in cui il mio fisico era un po’ rallentato ed era necessario dargli una sferzata di energia.

Così come se siete un tantino meteoropatici, che sì la pioggia sarà anche romantica ma una calda giornata di sole non la scambiereste con nient’altro, è il momento giusto per fare il pieno del potassio e magnesio di cui è ricco il kiwi.

Qualche dritta su come consumarlo: al naturale con uno stecco da gelato per farlo sembrare un ghiacciolo che a noi piace che sia estate tutto l’anno, nella macedonia abbinato alle banane compagne ideali per dare quella punta di dolce che ci sta sempre bene, oppure in versione marmellata una valida alternativa alle classiche confetture di albicocche e fragole.

 

kiwi

kiwi_gelato

kiwi_cuore

 

 

Foto Credits: Tumblr