Vellutata di zucca, la regina dell’autunno

 

crema_zucca

Non posso più rimandare devo postare per forza questa ricetta.

L’avessi pubblicata due fine settimana fa  sono sicura avreste pensato “ma cosa scrivi? Ci sono 25 gradi fuori”.  Si, sembrava estate. Mi hanno persino chiamata i miei amici salentini : “volevamo sapere come state, noi siamo qui al mare a fare una grigliata”. Ah, ottimo.

So che non è carino rosicare, ma come potevo non farlo? Quando ce vò ce vò e in questo caso ci voleva.  Anche qui però non si stava poi così male e il clima milanese mi ha regalato una piacevolissima giornata e un giro con la mia bici, che vorrei ribattezzare Isotta per i prossimi post. Vi piace? Altri consigli?

Ma vogliamo invece parlare del tempo di ieri? Stavolta la telefonata domenicale non è arrivata dal sud ma dal profondo nord. Mi chiama mia madre: “qui nevica”. Ah, ottimo.

Mi ero accorta in effetti che qualcosa di strano stava succedendo quando, guardando fuori sul balcone, ho visto il basilico, ancora miracolosamente rigoglioso, iniziare a dare i primi segni di cedimento. Potevo quasi sentirne i lamenti: “Amica mia ho resistito fino a quando ho potuto, ora però mi si stanno ghiacciando anche le palle, ops le infiorescenze.”

E così se fino a quindici giorni  fa sarebbe sembrato fuori luogo postare la ricetta della vellutata (o crema, o zuppa) di zucca, oggi mi sembra che non averlo ancora fatto sia stata una mancanza nei vostri riguardi e in quelli delle vostre domeniche sere al calduccio nella vostra casetta.

E così rimedio subito.

Canzone che ho nell’ipod mentre scrivo il post e consigliata anche durante la preparazione di questo piatto: Take Five – Dave Brubeck. Perché invecchiando ho scoperto che adoro il jazz e questo pezzo mi sembrava il più adatto per farlo amare anche a voi.

Ingredienti

600g di zucca bio già pulita della buccia

1 carota

mezza cipolla rossa

un rametto di rosmarino

600 gr di brodo vegetale

1 cucchiaio circa di olio extravergine

Preparazione
Tagliate la cipolla, la zucca a pezzi non troppo grossi, la carota e mettete tutto in padella insieme all’olio e a un rametto di rosmarino. Fate rosolare per circa 15 minuti aggiungendo un mestolo di brodo.

Unite ora il resto del brodo, che andrà a coprire la zucca e la carota. In questa fase potete togliere il rametto di rosmarino, lasciatelo se invece volete continuare ad aromatizzare gli ingredienti. Fate cuocere per altri 25-30 minuti circa. Trascorso il tempo,  utilizzando il minipimer (oppure potete inserire il composto nel mixer), frullate tutto fino ad ottenere una crema vellutata.

Potete regolare la consistenza come più vi piace continuando la cottura per renderla più densa o aggiungendo alcuni cucchiai di brodo se la desiderate più liquida.

Servite la vellutata con dei crostini di pane tostato (ottima con quello di farro o di segale) oppure, per renderla ancora più gustosa, con delle scaglie di formaggio di capra leggermente stagionato.

Oltre a essere buonissima, questa zupa ha pochissime calorie e contiene tutte le proprietà benefiche della zucca: è ricca di betacarote e vitamine, ha proprietà rilassanti (è quindi particolarmente adatta per essere consumata a cena), digestive, diuretiche, antiossidanti  ed è ricca inoltre di sali minerali.

Un piccolo consiglio: quando pulite la zucca non gettate i semi ma gustateli come spuntino o spezza fame. Potete infatti tostarli in forno per 15 minuti a 180°, o meglio ancora lasciarli seccare qualche giorno e consumati crudi una volta sbucciati, per mantenere intatte tutte le loro proprietà.



Photo Credits: io e Tumblr