Pasta Eat: la ravioloteca a Milano

pasta-eat-vetrina

Martedì scorso sono stata invitata da Pasta Eat per un evento dedicato ad alcuni blogger dal titolo “Bloggers Love Pasta ”.

Il paese del balocchi per me che amo il carboidrato violento, soprattutto se ripieno. Se poi servito in una ravioloteca, che significa ravioli e pasta fresca a non finire, parliamo di un invito che non avrei potuto non accettare.

Il locale è molto accogliente e già dall’ingresso è subito chiaro come la pasta fatta in casa sia la regina indiscussa.

pasta-eat-vetrina-ravioli

pasta-eat-locale-interno

pasta-eat-interno

I tavoli all’interno non sono tantissimi però, durante la bella stagione, il ristorante può sfruttare uno spazio esterno in una delle zone per me più belle di Milano.

Siamo stati accolti in una tavola molto piacevole, decorata con candele e centrotavola fatti di paglia e di rosmarino, la cui aroma mi ha allietata per tutta la serata.

pasta-eat-tavola

Per noi blogger era riservato un menu speciale basato sulla degustazione di alcune specialità del locale. Aka: pareva il pranzo di Natale con sette portate, sette, che il personale chiamava assaggini mentre per me erano pasti completi; roba che al quarto piatto il mio stomaco chiedeva a gran voce una piccola pausa con acqua e bicarbonato.

Un lavoraccio lo so ma qualcuno lo doveva pur fare. E si vede chiaramente come io sia molto interessata alla spiegazione dei piatti.

pasta-eat-federica

Siamo partiti con gnocchi, strozzapreti e schiaffoni.

pasta-eat-bis-gnocchi

pasta-eat-gnocchi-dettaglio

pasta-eat-bis-ravioli

Per arrivare a quella che per quanto mi riguarda è stata la regina della cena: sua maestà la lasagna di melanzana. Un mix tra lasagne e parmigiana, con le melanzane intervallate da strati di sfoglia, mozzarella e pomodoro.

pasta-eat-lasagne-melanzane

Per finire con trofie e agnolotti conditi con burro tartufato ed erbe aromatiche.

pasta-eat-ravioli

Ancora mi chiedete perché dopo la lasagna il bicarbonato per me era d’obbligo?

Mi è piaciuta molto l’attenzione per i prodotti fatti a mano, le combinazioni di sapori e la ricerca della stagionalità. Avrei apprezzato un po’ più di sperimentazione sui condimenti della pasta ripiena, che magari andassero oltre al burro, con delle dadolate oppure creme di verdure che potessero fare da contrasto agli ingredienti del ripieno. Ma questo sicuramente dipende dalla selezione dei piatti che abbiamo assaggiato.

Il personale di Pasta Eat ci ha coccolati per tutta la serata ed è stato molto attento a che fossimo completamente a nostro agio, gentilezza che era assolutamente riservata anche agli altri clienti presenti quella sera.

Non posso dirvi granché sui vini perché la mia scelta è andata sulla birra artigianale che vi consiglio di provare e che si accompagnava perfettamente ai piatti che ho assaggiato.

Se vi ho un po’ incuriositi e volete provare Pasta Eat potete farlo non solo a cena ma anche a pranzo, magari per una pausa dall’ufficio che non preveda il solito panino, con in più il servizio di delivery in cui è possibile acquistare anche i prodotti freschi.

Per info

Pasta Eat 

Viale premuda 44

Milano

Tel. 02/87084258