All’estero è la fake fur, io preferisco chiamarla pelliccia ecologica

pelliccia_ecologica_animalier

E’ in giornate gelide come queste che sento il desiderio di coprirmi un po’ di più, con l’aria che odora di neve e con l’inizio di dicembre che non può non farmi pensare alle luci, all’attesa, al Natale.

Perché è in preparazione la wishlist, che tanto lo so che ogni anno vi ripromettete di non fare troppi regali però poi il pensiero della gioia di chi scarterà il nostro pacchetto è più forte di qualsiasi buon proposito.

E se all’inverno ancora mancano una manciata di giorni io già penso ad un maglione rosso e alla sciarpa knittata  che sto per finire.

E con l’inverno si fa largo il desiderio di un abbraccio caldo, vaporoso e colorato, magari con quel tocco animalier che a dispetto di tutto ci fa tanto signorine per bene.

All’estero è la “fake fur” a me non piace definirla falsa e preferisco chiamarla ecologica:  perché falso è sentirsi bene con addosso la crudeltà, ecologico invece è l’unico modo in cui posso pensare di indossare una pelliccia.

pelliccia_ecologica_pavone

pelliccia_ecologica_bianca

pelliccia_ecologica_gilet

pelliccia_ecologica_verde

pelliccia_ecologica_nera

 

Foto Credits: Tumblr