La terra vista dal cielo. La mostra fotografica di Yann Arthus-Bertrand

Cuore-di-Voh-Nuova-Caledonia

Un museo. Quello di storia naturale di Milano, che fa da scudo tra il traffico di corso Venezia e il Planetario, nascosto tra gli alberi dei giardini Indro Montanelli e cornice ideale per le opere di Yann Arthus-Bertrand, fotografo e ambientalista francese.

La Terra vista dal cielo. Una mostra fotografica che con più di cento immagini racconta il nostro pianeta  attraverso paesaggi incontaminati e testimonianze forti dello sfruttamento dell’uomo.

Un viaggio lungo tutti e cinque i continenti – dagli oceani alle vette delle montagne, dalla savana africana ai ghiacciai antartici, dai crateri vulcanici ai deserti africani – che mostra agli occhi e alle coscienze quanto la mano dell’uomo sia stata in grado di plasmare la Terra a sua immagine e ancora lo stia facendo, non valutandone attentamente le conseguenze.

Un percorso che si chiude con un film “Home, tradotto in quaranta lingue, girato in centoventi luoghi, raccontato per l’Italia dalla voce di Isabella Rossellini e in cui riconoscerete il tocco di Luc Besson.

Se l’obiettivo è quello di far riflettere mettendo in luce l’influenza dell’uomo sugli equilibri del nostro pianeta, direi che è ampiamente raggiunto. Non è più tempo però per essere pessimisti, il cambiamento deve iniziare ed è questo che il viaggio attraverso le immagini vuole esprimere fino in fondo, perché sperare in un futuro diverso è ancora possibile.

Una mostra che io ho visto prima delle vacanze e che, se ancora non l’avete fatto, potrete visitare fino al 19 ottobre.

Per info qui