La felicità è una manciata di ciliegie

ciliegie

 

Vi ho mai detto di quanta felicità può racchiudersi in una ciotola piena di ciliegie mature, polpose e di quel colore rosso intenso che parla di sole ed energia?

La stessa felicità che provavo da bambina quando il periodo di queste delizie era lo stesso che gridava libertà dagli obblighi di ogni giorno, dalla scuola, dai vestiti pesanti. La libertà di sapere di poter disporre delle mie giornate come meglio credevo per almeno i successivi tre mesi.

La felicità che mi dava pescare quelle gemelle, unite nei peduncoli e uguali nell’aspetto, che appendevo all’orecchio come fossero il più prezioso dei gioielli.

La felicità di sapere che da quel momento in poi le giornate sarebbero state  sempre più lunghe, più calde e sempre più piene di soprese e di giochi.

La felicità che provo oggi quando vedo le prime fare capolino nei negozi. La stessa di quando mangio una fetta di crostata, che quando sono di stagione e lo sono per troppo poco tempo, non va sprecata nemmeno un’occasione. E allora si dia il via alla marmellata di ciliegie.

Che siano amarene, duroni, di Vignola o di Corniola – quelle allungate dalla polpa soda e se non le avete mai assaggiate vi consiglio di correre subito ai ripari – non importa , quello che conta è godere ogni volta di quel sapore inconfondibile che rilascia piano piano bocconi di felicità.

E quando avrete decretato che “l’una tira l’altra” è giunto al termine, non osate gettare i peduncoli perché ricchi di proprietà depurative (da appuntare come elemento immancabile nella prossima detox).

Fatene bollire un cucchiaio per circa 10 minuti, filtrate e dolcificate a piacere.

ciliegie-ciotola

ciliegie-bicchiere

crostata-ciliegie

 

Foto Credits: Tumblr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *