Come creare la pasta madre

Se non avete nessun amico che può donarvi un po’ della sua nessun problema, è possibile creare la pasta madre anche da soli.

La lista degli ingredienti è cortissima:

200 gr di farina

100 ml di acqua

Mescolateli e  lasciate riposare il composto per circa 48 ore a temperatura ambiente, coperto e al riparo da fonti di calore. Trascorso questo tempo aggiungete all’impasto la stessa quantità di farina (200gr) e la metà di acqua (50 ml) e lasciate lievitare.

Se dopo circa 8/10 ore la pasta madre raddoppierà di volume sarà pronta per essere utilizzata, in alternativa ripetete di nuovo il passaggio.

Tra una panificazione e l’altra il lievito madre si conserva in frigorifero in un contenitore in vetro. Io non lo sigillo ermeticamente – la mia pasta madre è in una ciotola di vetro coperta da un piatto – in modo che comunque possa sempre circolare una minima quantità di aria.

Ci sono dei casi in cui la pasta madre può essere lasciata a temperatura ambiente, quando ad esempio gli alveoli si rimpiccioliscono fino quasi a sparire, oppure quando ha un aspetto troppo liquido e grigiastro.

In questo caso è opportuno procedere a rinfreschi giornalieri conservandola fuori dal frigo per uno o due giorni fino a che non avrà di nuovo il suo aspetto abituale.

Il lievito madre infatti ha un colore chiaro, con numerose bolle d’aria al suo interno (gli alveoli).

La consistenza è quella di un impasto per la pizza molto elastico, quasi appiccicoso.

 

 

14 Comments

  • Mara ha detto:

    Ma non ci va il lievito … solo farina e acqua?

    • Natural Flavour ha detto:

      Solo acqua e farina che unite alla temperatura danno origine ai lieviti. A volte serve uno “starter” ad esempio lo yogurt o il miele ma si può fare anche senza

  • Maria Savelli ha detto:

    Sembrerebbe facile e rapido. Ho provato vediamo…..

  • Concetta ha detto:

    Il lievito poi completato come si misura per impastare il pane

  • Fabio ha detto:

    Per quanto tempo si può conservare il lievito madre? Ma soprattutto in 1kg di farina quanto lievito madre devo usare per fare il pane?

  • kevin ha detto:

    Ciao federica ti ringrazio per i consigli e per le idee che regali. Ho un paio di di domande da farti. Per il lievito madre posso usare qualsiasi tipo di farina? Farro quinoa.. e poi se hai qualche marca da consigliarmi.

    • Federica ha detto:

      Ciao,

      grazie per aver vistato il mio sito. Per quanto riguarda le farine la più indicata è la 0, anche altre possono andare bene anche se la resa può essere minore. L’importante è che sia sempre presente il glutine (no quinoa, no riso) perché altrimenti non scatta il processo di lievitazione. Per la marca non ne ho una in particolare io uso farine biologiche e macinate a pietra.

      A presto!

      Federica

  • pasquale ha detto:

    ciao,
    una domanda se puoi aiutarmi, ho creato la pasta madre con farina w350 48 ore fa e ho già effettuato il primo rinfresco, dopo il rinfresco la pasta si e’ già raddoppiata(8 ore), quando posso utilizzare la prima volta ? sto provando a fare il panettone.-
    grazie

    • Federica ha detto:

      Ciao, puoi fare un ulteriore rinfresco, se raddoppia ancora direi che è pronto per essere utilizzato! Fammi sapere come viene il panettone!!!!

      • pasquale ha detto:

        ciao panettone stupendo
        il procedimento e’ molto laborioso e lungo ma ci sono riuscito
        se vuoi ti mando una foto , se mi dici dove . ciao

  • Silvio Federico ha detto:

    Fino ad oggi ho fatto il pane con lievito”industriale”.
    Oggi metto in lavorazione il lievito madre e poi vi farò sapere.
    Buon Natale e buon anno nuovo a tutti.

    Perfed.

  • Francesco ha detto:

    Ciao, quando rinfreschi il lievito madre e dici di aggiungere la farina con l’acqua devi impastarla o solo aggiungere? Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *